mercoledì 21 gennaio 2015

MAMMA DI UNA BAMBINA DISABILE: ABBIAMO BISOGNO DI AIUTO...

E’ un vero e proprio calvario quello che stanno passando Michela e Fabrizio per la loro figlioletta nata a ottobre del 2005, la bambina ha una sfilza di patologie gravissime che la rendono invalida al 100%, ha quasi nove anni e pesa solo otto chili, solo per dare un indizio della gravità della situazione. Michela, la mamma, e suo marito non hanno mai cercato di spettacolizzare il loro dolore, anzi hanno sempre cercato in tutti i modi di arrangiarsi da soli al contrario della “ moda” ormai ricorrente di tante forme di protesta per situazioni di gran lunga meno gravi. “ Pochi mesi dopo la nascita la bambina ha iniziato ad avere delle gravi crisi - ci racconta la mamma - non si sa con precisione cose le sia accaduto, si pensa ad un virus fatto sta che le sue condizioni sono andate via via peggiorando” La donna è praticamente 24 ore al giorno vicina alla bambina che ha bisogno di assistenza continua - “ Da anni ormai esco di casa solo per le visite alla bambina e qualche rara volta lasciandola a mio marito ma sempre per poco tempo perché non è facile da gestire “ “ Non mi sono mai rivolta ai giornali, lo faccio ora perché non ce la facciamo proprio più, abbiamo un’accompagnatoria di circa 500 euro al mese e un contributo annuale di circa 1.500 euro ma non sono più sufficienti, inoltre mio marito ha un banco di alimentari in riva Vena ma ormai da un bel pezzo le attività economiche sono praticamente morte e non guadagna più abbastanza “ Purtroppo non si capisce bene perché ma tanti prodotti praticamente indispensabili per la bimba sono da banco e non vengono passati, il sindaco e l’assessore ai servizi sociali sono a conoscenza della situazione e stanno cercando un modo per poter aiutare questa famiglia veramente bisognosa. Mesi fa c’è stata una vera e propria mobilitazione per una bambina Dolo a cui hanno aderito molti chioggiotti ora che siamo di fronte ad un caso ancora più grave speriamo che ci possa essere lo stesso livello di solidarietà.

2 commenti:

  1. Come possiamo aiutare questa famiglia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuole dare un contributo economico abbiamo riportato i riferimenti bancari della famiglia Perini

      Elimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.