martedì 14 dicembre 2021

INCIDENTE MORTALE DEL POVERO STEFANO: LA SIGNORA BARBARA CATTIN VUOLE PRECISARE

Barbara Cattin, la mamma dell ragazzo rimasto ferito nell'incidente sulla Strada Statale 309 Romea, all’altezza del chilometro 101 lo scorso 12 dicembre ha voluto fare una precisazione. Nessuno ha provveduto a informare le famiglie delle condizioni in cui versavano le tre persone a bordo della vettura coinvolta, alla cui guida si trovava Stefano Costa, deceduto per le conseguenze dell’impatto. La mamma del ragazzo, dopo che le è arrivata voce dell’incidente, ha cercato di informarsi contattando tutti gli ospedali per accertarsi delle condizioni in cui si trovava il figlio, da immaginare in che condizioni di angoscia e di disperazione. Le famiglie hanno provato a contattare poi le forze dell’Ordine, ma se una prima volta non le è stato detto nulla, a una seconda chiamata, le hanno passato Padova. Per essere più tranquilli e affermare che il ragazzo sia fuori pericolo bisogna aspettare ancora 48 ore. Ha dovuto subire un pesante intervento durante il quale gli è stata asportata parte della milza; perdendo 4 litri di sangue. Ma quello che la mamma del ragazzo ferito, coinvolto in un incidente automobilistico in cui una persona ha perso la vita, ha voluto sottolineare è che le famiglie sono state informate dalla voce del popolo e in certi frangenti, quando si è disperati e non si sa a chi rivolgersi per avere notizie su un familiare, su un figlio, sarebbe preferibile essere informati con tempestività da chi dovrebbe avere informazioni certe. I tre chioggiotti stavano tornando a casa dal lavoro, Stefano e Vanessa erano cugini. Questo testo è stato pubblicato su indicazione e su espressa richiesta della signora Barbara Cattin

Nessun commento:

Posta un commento

Per inserire i commenti (purtroppo) è necessario inserire un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, in quanto arrivano centinaia di commenti spazzatura con proposte oscene e non riusciamo più a gestire. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.