lunedì 29 novembre 2021

"FESTEGGIA" IL 25 NOVEMBRE ACCOLTELLANDO E ROMPENDO LA TESTA ALLA COMPAGNA

Proprio ieri la consigliera del Partito Democratico Barbara Penzo aveva organizzato un evento per ricordare la giornata contro la violenza sulle donne. Fortunatamente per poco, molto poco, la città di Chioggia non si è trovata "protagonista" dell'ennesimo femminicidio. Ieri sera infatti a Ca'Lino c'è stata un vera e propria caccia all'uomo per i campi dei carabinieri che hanno catturato (al momento è in direttissima a Venezia) Stefano Marangon, noto pregiudicato residente a Ca'Lino dopo che aveva ferito ad un fianco con un'arma da taglio e percossa violentemente alla testa la compagna sudamericana. Ci riferiscono di una scena sconvolgente con la donna che si trascinava ferita per la strada, in seguito è stata soccorsa e portata all'ospedale di Chioggia le sue condizioni non sarebbero gravi. Purtroppo non è la prima volta che diamo notizia di Marangon, si tratta di una persona con una lunga serie di reati penali, più volte arrestato, con periodi di carcere alternati ai domiciliari ma anche a piede libero. Conosciamo la persona e possiamo dire che si tratta di un individuo che ha estremamente bisogno di aiuto ma anche che è molto pericoloso ed è in grado di compiere atti molto gravi a seconda delle sue condizioni psicofisiche. I residenti di Ca’Lino (e non solo Ca’Lino) sono terrorizzati, è in corso il processo in direttissima al tribunale di Venezia, vi aggiorneremo sulla decisione del tribunale. aggiornamento ore 17.45 ACCOLTELLATA E PICCHIATA SELVAGGIAMENTE: Convalidato l'arresto di Stefano Marangon è stato tradotto in carcere e il giudizio di merito prossimamente quando ci sarà il processo. Per quanto riguarda la compagna le sue condizioni sarebbero stabili e non sarebbe in pericolo di vita.

Nessun commento:

Posta un commento

Per inserire i commenti (purtroppo) è necessario inserire un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, in quanto arrivano centinaia di commenti spazzatura con proposte oscene e non riusciamo più a gestire. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.