venerdì 30 dicembre 2016

REVOCATA ANCHE A CHIOGGIA L'ORDINANZA ANTI BOTTI

Revocata anche a Chioggia l'ordinanza sindacale che vietava l'uso di fuochi artificiali nelle aree pubbliche o aperte al pubblico la notte di Capodanno. Analoghi provvedimenti sono stati decisi praticamente in tutta Italia, per effetto “a cascata” di una circolare ministeriale emessa in data 9 dicembre. In sostranza il ministero dell'Interno ha segnalato a tutte le Prefetture che vietare l'uso dei fuochi artificiali non rientra nei poteri dei sindaci, in base al Testo Unico sugli Enti locali 267/2000, e le Prefetture, di conseguenza, hanno modificato in negativo, laddove lo avevano espresso, il parere cbesto dai sindaci su tali ordinanze. Così è avvenuto anche a Chioggia dove il Comune aveva chiesto e ottenuto l'assenso della Prefettura prima di Natale ma ha, poi, dovuto conformarsi al mutato indirizzo ministeriale. Attenzione, però, la revoca dell'ordinanza sindacale non equivale al permesso di “botto libero”: chi decide di usarli deve, comunque, limitarsi a quelli autorizzati e legalmente in vendita e deve mettere in atto tutte le elementari norme di prudenza previste in questi casi. L'utilizzo di fuochi fuori norma è sempre perseguibile, così come un utilizzo improprio, anche dei fuochi “legali”, comporta precise responsabilità penali. Vale sempre quindi la regola di tenere conto della situazione ambientale in cui ci si trova (vicini, animali, ecc.) e, se proprio si vuol fare festa a suon di botti, di rivolgersi a ditte di comprovata professionalità che possono offrire anche consigli su come comportarsi. Le stupende immagini della laguna del Lusenzo illuminate dai fuochi di ferragosto

1 commento:

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.