martedì 8 novembre 2016

FLASH DALLE SCUOLE: IL CONTROSOFFITTO DELLA MERLIN VERSO LA RIPARAZIONE, MA ALLA MARCHETTI C'È BISOGNO DI INTERVENTI


Mesi fa il governo aveva chiesto ai Comuni di collaborare al progetto “buona scuola” per segnalare i plessi bisognosi di opere di manutenzione. La giunta Casson aveva provveduto a indicare la scuola elementare Caccin di Sottomarina quale edificio da ristrutturare, attingendo ai fondi statali. Nel mentre, nemmeno un mese fa, un frammento del controsoffitto in cartongesso della Merlin a Ridotto Madonna è caduto in testa a una bimba di 9 anni, mandandola all'ospedale: a 23 giorni da quel 14 ottobre, il dirigente scolastico assicura che le verifiche sono state approntate e che tutto è predisposto per l'inizio dei lavori utili alla messa in sicurezza della copertura. «La situazione è sotto controllo, niente di preoccupante», sono le sue parole.
Da Sottomarina a Chioggia, potenzialmente preoccupanti invece sono le condizioni di alcuni alberi -uno in particolare- messi a dimora decenni fa nel cortile dell'elementare Marchetti in Tombola: una pianta di grosse dimensioni, adiacente al muro di cinta, è oggi pericolosamente sporgente e inclinata in direzione della scuola, e anche gli altri fusti presto ne seguiranno le sorti. Senza dimenticare che -oltre alla quasi normale fuliggine perimetrale- lo stesso cornicione esterno del tetto è scrostato in più punti. Che sia “buona scuola” sì, ma per tutti.

Nessun commento:

Posta un commento

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.