domenica 29 aprile 2018

MANIFESTAZIONE NO GPL: "GUERRA DI CIFRE" TRA I QUOTIDIANI, LE IMMAGINI CERTIFICANO 900-950 PARTECIPANTI

Guerra di cifre attorno alla manifestazione No Gpl che ieri ha attraversato il corso del Popolo, rione Duomo e la zona del deposito in Val da Rio. Stamane i due principali quotidiani locali riportano cifre sensibilmente diverse tra loro (1500 contro 2000), ed entrambe distanti dalla realtà.
Già durante il corteo, fonti delle forze dell'ordine parlavano correttamente di mille partecipanti, e alcuni fra gli stessi organizzatori temevano di non aver raggiunto questa cifra. A far luce provvedono le immagini di Chioggia Azzurra, opportunamente ingrandite attraverso appositi software, che consentono di contare con riferimenti plausibili e attestano per eccesso la quota di 950 persone, compresi gli addetti ai lavori, cioè giornalisti, cameramen e forze di sicurezza.
Ragionevolmente, a sfilare per le strade di Chioggia saranno state circa 900 persone, ovvero quei «poco meno di mille» di cui abbiamo riportato ieri stesso. Naturalmente ciò non costituisce alcun limite all'azione del comitato No Gpl, che ieri ha avuto la risposta più grande dall'inizio della sua attività, e che ora la consegna ai nuovi eletti della politica nazionale.

2 commenti:

  1. Penso che la cifra dei 1500-2000 possa essere stata considerata ad inizio manifestazione in corso del popolo,i numeri sono scesi poi a un migliaio a fine corteo dopo che molti partecipanti si erano sfilati a poco a poco per la stanchezza e il caldo;Ma in fondo cosa cambia quanti erano i partecipanti?La manifestazione è riuscita, l'effetto mediatico c'è stato e il segnale passato è chiaro: la città si e svegliata e non vuole un impianto pericoloso a 2 passi dalla porta di casa! Spero che chi di dovere ne prenda atto.

    RispondiElimina
  2. Non più di trecento persone.

    RispondiElimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.