venerdì 13 luglio 2018

SEQUESTRI IN SPIAGGIA: OGGI OPERAZIONE CONGIUNTA DELLA GDF CON LA POLIZIA LOCALE

Altra intensa giornata di sequestri in spiaggia. La stretta e proficua collaborazione tra la Guardia di
Finanza (nello specifico i militari della Compagnia di Chioggia e quelli della Compagnia Pronto
Impiego di Venezia, i cosiddetti "Baschi Verdi") e la Polizia Locale di Chioggia ha portato, nella
giornata di oggi, ad altri 8 sequestri ed oltre 3300 articoli sottratti al mercato illegale e verbali di
violazioni amministrative per migliaia di euro.
Sono stati multati anche quattro ambulanti regolari – titolari del nulla osta demaniale –, che
eccedevano con la merce esposta ben oltre le dimensioni del carretto, con banchi e stendini a
terra che formavano veri e propri "suk" irregolari, offrendo tra l'altro appoggio logistico ad altri
venditori abusivi.
«L’attenzione dell’amministrazione comunale è massima – commenta il sindaco Alessandro Ferro
–, e anche grazie alle recenti norme regolamentari che abbiamo introdotto, ora è possibile punire
questi pseudo “regolari” con il sequestro, oltre che con la sanzione amministrativa».
«Tali gravi comportamenti – spiega il comandante della polizia locale Michele Tiozzo – potranno
essere tenuti in debita considerazioni sia per valutare l'applicazione di possibili misure di
sospensione o di revoca del nulla osta al commercio in area demaniale, sia per l'eventuale nuovo
rilascio del nulla osta il prossimo anno».
Sono oltre 8500 gli articoli sottratti quest’anno al mercato illegale, grazie all'ottima sintonia
operativa tra le Fiamme Gialle e la polizia locale. Collaborazione che continuerà a svilupparsi con
servizi congiunti di repressione del commercio abusivo, che si svolgeranno nel corso dell'intera
stagione balneare lungo le spiagge di Sottomarina ed Isola Verde.

Nessun commento:

Posta un commento

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.