sabato 9 dicembre 2017

CHIOGGIOTTO SALVA LA VITA DALL'INCENDIO DEL CINEMA MA DEVE PAGARE IL TICKET

C'era anche un chioggiotto nel cinema di Rovigo andato a fuoco ieri sera, e prontamente evacuato. L'incendio si è sviluppato poco prima di mezzanotte al multisala Cinergia, in viale Porta Po, all'interno del parco commerciale La Fattoria: quindici persone sono rimaste lievemente intossicate, e sono state visitate dai pronto soccorso di Rovigo, Adria e Ferrara. Il rogo sarebbe sprigionato da un magazzino cinese al pian terreno: a spegnerlo sono intervenute ben dieci squadre dei vigili del fuoco da tutto il Basso Veneto, con trenta operatori. Oltre al cinema e al magazzino, sono stati interessati dalle fiamme alte anche un ristorante e un altro negozio per bambini. Il fumo usciva ancora nella mattinata di oggi.
Il chioggiotto, un agente di commercio di circa 50 anni, ha raccontato che mentre il film andava avanti un addetto è entrato in sala e ha chiesto al pubblico di evacuare: «Era da paura trovarsi lì, il corridoio era buio e già fumoso, abbiamo individuato le uscite di sicurezza più vicine anche grazie alle luci d'allarme che erano scattate». Oltre allo spavento, la beffa: recatosi all'ospedale di Porto Viro per gli accertamenti della possibile intossicazione, al cittadino chioggiotto è stato notificato che deve pagare il ticket sulla visita effettuata.

2 commenti:

  1. Qual'è la notizia? Che si paga il ticket al pronto soccorso?

    RispondiElimina
  2. Un altro incendio ad un centro commerciale, qualche mese fa il prisma a santa Maria di sala e'andato anche questo al fuoco,qualche centinaia di persone senza lavoro, ora Rovigo situazione simile, sarà mica che c'è un po' di dolo...qui puzza di pizzo!!

    RispondiElimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.