sabato 16 dicembre 2017

IL BRAGOSSO CHIUDE: MIGRANTI TRASFERITI A BRONDOLO IN NUMERO RIDOTTO, ALTRI FORSE A S.GAETANO

Il Bragosso chiude i battenti. La casa alloggio gestita negli ultimi anni dalla società Insieme, e nella quale a inizio dicembre si era verificata l'aggressione da parte di uno dei migranti ospitati a un giovane operatore sociale della struttura, a breve -presumibilimente entro una decina di giorni- trasferirà la propria attività in un immobile di via Papa Giovanni XXIII a Brondolo. La notizia girava da ore in città, ed è l'assessora ai servizi sociali Patrizia Trapella a fugare ogni allarme, dal momento che il numero dei rifugiati calerà dai 58 attuali a 30.
Dei 28 dimessi, una metà sono già stati ricollocati altrove, e i rimanenti 14 dovrebbero trovare posto in una nuova residenza in località San Gaetano a Cavarzere, che è in attesa di autorizzazione prefettizia. Il sindaco Ferro è in costante contatto con le autorità veneziane: i rapporti che regolano i centri d'accoglienza sono diretti fra i privati e la Prefettura, l'amministrazione -come conferma anche il sindaco di Cavarzere Henri Tommasi- può solo prendere atto.

AGGIORNAMENTO ORE 15: la gestione del Bragosso puntualizza che sì, i migranti residui saranno alloggiati a Brondolo, ma che il Bragosso non chiuderà e così la gestione da parte della società Insieme.

4 commenti:

  1. perchè non se li porta a casa la trapella? o il sindaco? manco uno ne voglio vicino casa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le amministrazioni comunali non possono entrare nel merito dei rapporti tra privati, se questi hanno un contratto di affitto nessun sindaco puo' fare nulla

      Elimina
  2. Ma quindi restano i richiedenti asilo al Bragosso oppure no?

    RispondiElimina
  3. Mettili vicino a casa tua ho una bambina di 3 mesi e dovrei stare in mezzo alla merda per f9rtuna ho trovato e me ne vado e faccio un trasloco di emergenza ripeto con una bambina di 3 mesi perche nn te li 6 messi a casa tua o a casa vostra STRONZI

    RispondiElimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.