venerdì 15 dicembre 2017

VENTIQUATTRO ORE DI SCIOPERO PER I PORTUALI, I SINDACATI CONFEDERALI: CHIAREZZA SUI LAVORI USURANTI

Oggi scioperano per 24 ore i lavoratori dei porti italiani, e quindi anche quelli impegnati nello scalo chioggiotto. L'agitazione è stata decisa dalle sigle sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uil Trasporti a seguito del decreto correttivo sul lavoro portuale approvato dal Consiglio dei Ministri: il governo non ha accolto le rivendicazioni sindacali, nonostante il parere favorevole espresso dalle commissioni di Camera e Senato. Gli organi di rappresentanza del lavoro trovano che il decreto non armonizzi le misure di legge: “È alquanto incomprensibile -si legge nella nota sindacale- l'azione ostativa del ministero per l'Economia, sulla possibilità di prevedere l'accompagnamento all'esodo per i lavoratori dei porti al di là delle facoltà previste per gravi crisi aziendali. Tali misure sono ancora di rilevante interesse per i lavoratori del settore portuale, che non gode dei benefici previsti dalla norma sui lavori usuranti e che pare veder riconosciute alcune delle proprie mansioni tra i lavori gravosi con dinamiche interpretative ancora molto incerte”.

Nessun commento:

Posta un commento

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.