sabato 27 gennaio 2018

LE ASSESSORE ELGA MESSINA E ANGELA D'ESTE LASCIANO LA GIUNTA DI ALESSANDRO FERRO

La notizia si fa largo a palazzo già nelle tarde ore di venerdì, e trova conferma nella mattinata di sabato. Le assessore Elga Messina (lavori pubblici, urbanistica) e Angela d'Este (turismo) hanno deciso di lasciare la giunta a Cinque Stelle di Alessandro Ferro dato il perdurare di contrasti interni non meglio specificati. Nelle prossime ore se ne dovrebbe sapere di più, fatto sta che questa decisione lascia interrotti i progetti in corso, col timore di dover ripartire da zero anche in quanto alle relazioni istituzionali fra gli enti e i corpi intermedi della società. Quanto alle possibilità di un rientro nei ranghi, traspare pessimismo, anche se c'è chi non dispera venga fatta chiarezza per consentire il prosieguo dell'attuale compagine di giunta così come si è venuta formando.
Angela d'Este, già impiegata alla Regione, ne fa parte fin dall'inizio, mentre l'architetto Messina -titolare di uno studio tecnico a Marcon- è stata chiamata un anno fa a sostituire il dimissionario Marco Boscolo Bielo. L'assessora di origine siciliana aveva anche partecipato, lo scorso settembre, alla kermesse grillina "Italia a 5 Stelle" di Rimini, assieme ai colleghi di amministrazione, dove ha aiutato alla gestione dello stand chioggiotto. Angela d'Este negli ultimi tempi era finita nel mirino delle critiche del consigliere del PD Jonatan Montanariello. Una tegola che non ci voleva per il M5S clodiense, impegnato in una difficile campagna elettorale, probabilmente senza un alfiere locale da sostenere dopo le polemiche sulle recenti "parlamentarie".

16 commenti:

  1. Dilettanti assoluti. Meglio arrendersi, per favore andiamo a votare una giunta e un consiglio di persone adulte. Questi pensano di essere all'asilo

    RispondiElimina
  2. Peccato, se ne vanno le piu' gnocche

    RispondiElimina
  3. Fake. Tutta campagna di falsita' orchestrata dai nemici dei grillini

    RispondiElimina
  4. La prossima assessora sara' la mamma di Erika

    RispondiElimina
  5. Non è un bel momento per i nostri cinque stelle. Se poi si pensa che il sindaco è anche indagato...
    . speriamo che si sistemi tutto per la citta.

    RispondiElimina
  6. Pare che ci sia di mezzo l'affidamento di un importante incarico professionale ad un ex presidente del consiglio comunale nipote d'arte. I grillini non perdonano chi ha anche il minimo contatto con qualcuno del PD. Lo considerano irrimediabilmente infetto e lo rigettano

    RispondiElimina
  7. Sembra che almeno una delle due passi al Pd

    RispondiElimina
  8. Giunta 5s = fallimento continuo.

    RispondiElimina
  9. AUSPICO in una nuova Amministrazione pronta a governare Chioggia come prima ...

    RispondiElimina
  10. Alla faccia della trasparenza !

    Dopo le dimissioni dell’assessore Bielo, mai chiarite dal movimento cinquestelle, si aggiungono ora queste nuove misteriose dimissioni.
    Se la notizia è confermata, la giunta Ferro che doveva essere una giunta trasparente come una casa di vetro, si sta pian piano trasformando in un bunker dove in segreto si prendono decisioni, come avviene nelle logge massoniche.

    RispondiElimina
  11. SOLIDARIETA' ALLE COMPAGNE ELGA E ANGELA

    RispondiElimina
  12. Comune gestito col pugno di Ferro. Bravi! Fuori i dissidenti, tutti nella macchina dei vigili (quando piove) e avanti tutta.

    RispondiElimina
  13. Forse le due assessore erano le uniche capaci di esprimere idee intelligenti ed intellettualmente autonome. Ovvio che bisognava mandarle via! La gente rifletta bene il 4 marzo e pensi a cosa vuol dire democrazia

    RispondiElimina
  14. Ferro, unisciti a Gilberto: Caricatevi tutta la vostra truppa e sparite dalla politica.
    Boni da gninte.
    A casa tutti.

    RispondiElimina
  15. Oggi silenzio. Allora era una bufala?

    RispondiElimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.