giovedì 25 gennaio 2018

MURATE LE FINESTRE ALLA EX COLONIA TURATI. MA ENTRARVI NON È MAI STATO COSÌ FACILE

Chiude, non si sa per quanto, il Grand Hotel Turati. Ieri pomeriggio sono state infatti murate, dall'opera di ben due squadre di operai con altrettanti camion inviati dal Comune, le finestre della ex colonia di Sottomarina, trovate aperte negli ultimi giorni a significare una presenza umana all'interno. Dopo i casi estivi di occupazione da parte di coppie indigenti e di ambulanti quale deposito per la merce da vendere illegalmente sulla battigia, il nuovo allarme ha riguardato appunto l'asportazione delle controfinestre in una struttura dove è apparentemente facile entrare e fare ciò che si vuole. Dai tempi del suo acquisto e della sua sistemazione, poco meno di vent'anni fa, il Comune non ha mai deciso il da farsi, e anche una vendita sul mercato appare improba data l'ovvia svalutazione di un immobile lasciato al degrado.

1 commento:

  1. Evviva !
    Muriamo l’ex colonia Turarti; muriamo l’ex cinema Astra; muriamo il Parcheggio interrato di via Pigafetta; muriamo il Cursal.
    Oramai sembra che non vi siano alternative a quella di murare porte e finestre delle opere inutili.

    Un suggerimento : muriamo porte e finestre della sala di giunta comunale (ove sono posizionati i bottoni di comando), almeno si procureranno meno danni alla città !

    RispondiElimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.