giovedì 18 gennaio 2018

PARCO PER I CANI IN VIA ZENO, PRIMI PASSI DOPO LA RACCOLTA FIRME. FOCUS SULLA PULIZIA E L'EDUCAZIONE DEI PROPRIETARI

Ieri mattina Laura Doria, l'attivista dei parchi, ha mosso i primi passi verso la realizzazione del parco destinato ai cani, da ricavare nell'area verde di via Nicolò Zeno. Assieme ad altre sostenitrici ha incontrato il vicesindaco Veronese, sulla scorta delle 1139 firme raccolte e protocollate ieri stesso in Comune: il vicesindaco ha ravvisato i presupposti per dare concretezza all'iniziativa, prodigandosi in prima persona nell'attivare le procedure necessarie. Dubbi riguardo i tempi della fontana, che non inficerebbere l'avvio dell'iter. Importante l'attrezzatura di varie aree urbane con le cosiddette dog toilet, ora al vaglio dell'amministrazione. In tale sede, l'addestratrice Francesca Pugiotto intende organizzare assieme al Comune un incontro con la cittadinanza per accrescere la cultura cinofila, sensibilizzando alla raccolta delle deiezioni ma anche verso la prevenzione del morso e la gestione del cane in ambiente cittadino. Laura Doria e le colleghe hanno incontrato anche la vicecomandante della Polizia Locale, Francesca Telloli, proprio riguardo il tema dei bisogni canini: resta confermato che l'organico è insufficiente (quattro agenti in due pattuglie) per sanzionare tutti coloro che non rispettano le minime norme di convivenza civile. Anche il sistema per leggere i microchip non è ancora stato dato in dotazione al comando.

6 commenti:

  1. Finalmente anche la collettività interviene: i parchi ai bambini e non ai cani (vedi articolo stampa odierna).

    Era ora che anche i cittadini intervenissero a difesa dei diritti dei piu'.

    La signora Doria e chi vuole portare i cani a spasso per la città o in aree destinabili a loro per le loro feci, sono invitati a tenersi in casa sua cani e loro residui.
    Questa è una dimostrazione di civiltà. rispettare anche chi dei cani in luoghi pubblici non importa niente!

    Vice sindaco: non dare retta a sta gente. I problemi della città sono ben altri, non certo quello di un parco solo per raccolta escrementi.

    Chi vuol bene a questi amabili quadrupedi, si faccia carico di non far pesare agli altri costi e doveri non spettanti.

    RispondiElimina
  2. L'area verde di Via Nicolo' Zeno e' gia' di fatto un parco per cani.
    Chiunque vada trova cani lasciati liberi dai padroni ed escrementi da cima a fondo.
    Impossibile accedere con bambini sopratutto se piccoli.
    I proprietari dei cani dovrebbero fare obbligatoriamente dei corsi di istruzione per tenere l'animale con relativi aggiornamenti e non limitarsi ad agguantare un cane lasciandolo libero in mezzo alla gente tanto e' buono e non fa niente...cosi' dicono.

    RispondiElimina
  3. Ma se esiste giá un parco per cani come sostiene il consiglier Montanariello Jonathan, perché i proprietari di animali nn possono recarsi a Ridotto Madonna nell' area giá attrezzata per usi canini?
    Che bisogno co sarebbe di sprecare risorse quando giá esiste una struttura di tal genere?
    Concordo: Prima i bambini !!!!

    RispondiElimina
  4. Farsi fotografare davanti al municipio, non vuol dire avere ragione.sono un genitore indignato per questa iniziativa, e credo che il giornale di oggi inquadri bene la situazione del giardino per i cani.
    Mi fa schifo che si voglia un altro spazio verde da sottrarre ai nostri figli per consentire ai padroni di cani di poter fare in pace la loro pupù.
    Credo pertanto che questi animalisti siano o in malafede o abbiano perso la testa per i cani.
    Spero che questa amministrazione, riesca a respingere la richiesta di queste donne, esistendo giá un parco per i cani.
    Per come stanno guidando la citta i 5 stelle, almeno il rispetto dei nostri figli, lo devono garantire. Altro che storie.

    RispondiElimina
  5. A.A.A. COMMENTI NON PUBBLICATI CERCASI

    RispondiElimina
  6. Ripeto alla sig. Doria non interessa niente dei Cani, è un modo come un altro pre mettersi in evidenza.

    RispondiElimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.