venerdì 5 gennaio 2018

TREDICI MESI PER NON RICOLLOCARE UN PALO DELLA LUCE ABBATTUTO

Dal dicembre 2016 i residenti del Perotolo attendono il rimpiazzo di un palo della luce investito da un furgoncino, appunto, tredici mesi fa. Il necessario strumento di illuminazione era stato abbattuto e subito messo in sicurezza dai vigili del fuoco, poi rimosso nel gennaio dell'anno scorso, ma mai sostituito: gli abitanti del quartiere hanno provveduto a numerosi solleciti all'ufficio Lavori Pubblici del Comune, che ha dichiarato la competenza della società partecipata SST, la quale a sua volta ha scaricato il barile su Veritas. E intanto il palo non è ancora al suo posto, rendendo più buia la strada: fino a quando?

2 commenti:

  1. In realtà i pali dei lampioni mancanti in quella via e mai ripristinati sono 2, oltre a quello indicato dall'articolo ne manca un'altro fronte hotel caldins, anche quest'ultimo è stato divelto da un auto in manovra nel 2017 e mai ripristinato, al suo posto fa bella mostra una motta di sabbia!!

    RispondiElimina
  2. E le lampade ornamentali, quelle che spuntano dal terreno e che illuminano il duomo e porta Garibaldi quando le riparano??sono tutte spente e dimenticate da mesi, nelle stesse condizioni anche tutte le plafoniere inserite nei paletti in marmo ai lati della carreggiata do via granatieri di Sardegna... insomma uno STELLATO degrado diffuso ??

    RispondiElimina

Chioggia Azzurra suggerisce ai gentili lettori la registrazione di un proprio account Google -anche attraverso uno pseudonimo- con il quale commentare gli articoli, al fine di favorire una miglior comprensione dell'identità digitale tra utenti. Non è nostra intenzione schedare o rintracciare in qualche modo chi commenta anonimamente; anzi lasciamo in tal senso la massima libertà al lettore di non declinare le proprie generalità, restando però nell'ambito del buon gusto e della corretta educazione nel commentare senza offendere alcuno. Siamo certi di essere compresi in questa esigenza, e per questo Chioggia Azzurra ringrazia.